Federfarma, bilancio 2014: riconoscimenti a servizi e farmacia presidio Ssn

articoloUna farmacia che punta sempre più a mettere a disposizione dei cittadini e del sistema sanitario nazionale la propria rete per andare incontro alle esigenze dei soggetti più fragili, risolvere i problemi di una pubblica amministrazione che non sempre riesce a dare risposte rapide, efficaci e a costi contenuti ai bisogni della popolazione, e a rafforzare sempre più il ruolo di presidio territoriale di primo accesso al Ssn. È questo il bilancio di fine anno fatto da Annarosa Racca (foto), Presidente di Federfarma, nel corso della conferenza stampa in cui ha ripercorso i temi più rilevanti dell’anno e delineato il percorso di evoluzione della farmacia. «Il 2015 dovrà essere l’anno della nuova Convenzione farmaceutica nazionale» è uno dei punti messi in luce. «Tema centrale è quella della dispensazione del farmaco: è necessario fare chiarezza e ripensare l’attuale meccanismo basato sulla distribuzione diretta da parte delle ASL. I cittadini devono poter trovare in farmacia i medicinali di cui hanno bisogno, con l’unica eccezione di quelli che richiedono specifici controlli medici in fase di somministrazione. Fondamentale anche dare finalmente attuazione ai nuovi servizi a favore della popolazione, individuati dalla normativa del 2009, in modo da semplificare l’accesso ad alcune prestazioni, tenendo sotto controllo i costi e garantendo la massima trasparenza. È il caso ad esempio della consegna in farmacia dei referti medici, prevista dall’Agenda della semplificazione». E proprio in questi ultimi mesi sono stati molti i punti messi a segno nel riconoscimento della farmacia dei servizi «quale modello assistenziale che può dare un contributo importante al potenziamento dell’assistenza sul territorio e alla deospedalizzazione», in un percorso che è passato attraverso l’approvazione della «Conferenza Stato-Regioni delle linee guida per il varo dei “Progetti regionali finanziati con risorse vincolate per la realizzazione di obiettivi di rilievo nazionale 2013″, tra cui la Farmacia dei servizi, il Def, il patto per la salute». È anche alla luce di questo che «per agevolare le farmacie nell’erogazione di nuovi servizi, Federfarma ha presentato le piattaforme informatiche, realizzate da Promofarma, che consentono già oggi l’effettuazione di prestazioni di telemedicina e l’erogazione di prestazioni di infermieri e fisioterapisti e saranno ulteriormente implementate nei prossimi mesi» nonché «un progetto di consegna a domicilio dei medicinali a favore di categorie di pazienti anziani, invalidi o comunque impossibilitati per le loro condizioni di fisiche a recarsi in farmacia».

Francesca Giani